Il frutto ed il seme: anno vocazionale - News - Provincia Italiana dei Giuseppini del Murialdo


Il frutto ed il seme: anno vocazionale



E' iniziato, per la nostra Provincia, l'Anno Vocazionale.


Un anno, cioè, nel quale desideriamo tutti riscoprire anzitutto di aver ricevuto molti doni da parte di Dio. Ciascuno di noi, infatti, è già un frutto: siamo stati amati ed aiutati a crescere, accompagnati e benvoluti. Anche se ci sono stati dei momenti difficili o faticosi, abbiamo tutti ricevuto, nei molti fatti che ci hanno costruito così come siamo, molte benedizioni.

Questo frutto che noi siamo è anche, in contemporanea, un seme: proprio perché frutto siamo anche seme. Proprio perché punto di arrivo di tanto bene, possiamo anche esserlo di partenza.

Tanto il capire di essere frutto quanto l'avvertire che possiamo essere seme, hanno bisogno del nostro "sì".

Un "" di chi lascia da parte l'amarezza per "non essere stato", lascia che il suo passato sia avvolto in vesti di salvezza e perdono, e si apre a considerare il proprio cammino con cuore grato.

Un "" di chi s'accorge dei compagni di viaggio che le sono stati messi accanto, guarda con benevolenza alle loro fatiche come se fossero le proprie, se ne commuove ed è pronto a dare una mano.

Sul nostro sito, tutto il materiale finora pubblicato per la celebrazione dell'Anno Vocazionale: il poster dell'anno, la lettera del Superiore Provinciale, le proposte giornaliere e lungo l'anno, le iniziative di formazione.

Per tutti coloro che possono partecipare, l'invito alla festa del 180° anniversario dalla nascita di san Leonardo Murialdo, a Torino il prossimo 26 ottobre.


[AA]