Piumini Moncler Outlet

31/10/2011

Ora di preghiera e adorazione a Roman


Urgenza di evangelizzazione in un mondo globalizzato… Con questo invito indirizzato dal papa Benedetto XVI a tutta la Chiesa Cattolica, si è celebrato l’85° giornata mondiale missionaria.

Anche da noi a Roman si è vissuta un'ora di preghiera e di adorazione nella parrocchia di S.Teresa del Bambin Gesù il 22 ottobre 2011 organizzata da parte dei giuseppini, in collaborazione del Centro missionario diocesano. Non a caso, questo momento di preghiera si è svolta nel giorno in cui commemoriamo il beato Giovanni Paolo II, un papa che ha sostenuto le opere missionarie.

Il mese di ottobre non significa soltanto il mese del Rosario, ma anche il mese nel quale ci ricordiamo dei nostri missionari. Su questo aspetto, la parrocchia S.Teresa del bambino Gesù di Roman è stato l’ambiente adatto per accogliere un centinaio di giovani in preghiera ed adorazione. L’ora di adorazione è stata divisa in quattro momenti: contemplazione, vocazione, responsabilità e ringraziamento, che hanno scandito il messaggio che il papa Benedetto XVI ha indirizzato a tutti i cattolici, cioè un invito ad essere evangelizzatori di questo mondo che negli ultimi anni si è allontanato dalla Chiesa e ha perso la dimensione eucaristica. E’ necessario sempre un rinnovamento , un nuovo incontro con Dio-Amore: nell’eucarestia e nel sacramento , nella preghiera, nella nostra offerta quotidiana, nel sacrificio e nell’aiuto agli altri. Soltanto così possiamo essere corresponsabili della nostra redenzione.

Dopo la benedizione con il Santo sacramento, è seguito un momento di condivisione , una testimonianza da parte di un prete che è impegnato pastoralmente nella nostra diocesi e proviene da un paese di missione, P. Vivian Furtado, Verbita, originario dell’India. Egli ha sottolineato l’importanza della diffusione della Parola di Dio, soprattutto quando si vive in un paese nel quale soltanto il 3% della popolazione è cristiana e dimostrando che anche nei paesi di missione si può testimoniare l’Amore di Dio.

Spinti dal ritornello di un canto: “perché il Signore grande e santo, in missione ci manda oggi”abbiamo sentito anche noi il dovere di essere missionari, proprio nel nostro paese, convincendo con il nostro comportamento che esiste un Dio-Amore che sta sempre accanto a noi , ci protegge nei momenti difficili.

Alla fine della celebrazione si è fatta una colletta per sostenere i missionari romeni in kenia, i quali lavorando con zelo e passione sono riusciti in poco tempo a portare sui banchi della scuola e degli asili, molti bambini africani.

[M. Lazar]




Versione per stampa

2011 - Roman: Momento di Adorazione missionaria


Image #1
Image #2
Image #3
Image #4
Image #5
 
2007 © Congregazione di S. Giuseppe - Giuseppini del Murialdo - Tutti i diritti riservati • Informativa sulla Privacy • P.Iva 01209641008
Design & CMS: Time&Mind